Gli isolanti termici per la casa

Ridurre la dispersione termica è un atto doveroso almeno sotto due diversi aspetti: si riduce la bolletta, quindi le spese familiari e si riduce il fabbisogno energetico, con beneficio sia per l’economia nazionale sia per la tutela dell’ambiente. Per questi motivi gli interventi di miglioramento edilizio nell’isolamento termico è incentivato e premiato dallo Stato con il riconoscimento di una detrazione fiscale.

Quali isolanti utilizzare

diversi materiali possono essere utilizzati per realizzare un isolamento termico delle pareti e ridurre le dispersioni termiche. Uno dei materiali spesso utilizzati è la fibra di vetro, un prodotto industriale ignifugo e sicuro che garantisce ottimi risultati.

Da tempo, ormai, si utilizzano anche schiume che vengono iniettate negli spazi all’interno delle pareti. Queste schiume solidificano rapidamente e trattenendo notevoli quantità d’aria al loro interno realizzano un buon isolamento termico.

Se vuoi fare una vera scelta ecologica, però, scegli gli isolanti naturali, realizzati soprattutto a partire da prodotti di origine vegetale. Questo carattere naturale dei materiali li rendono assolutamente eco-sostenibili, riciclabili e spesso anche biodegradabili.

Gli isolanti naturali hanno lo svantaggio di costi leggermente superiori agli isolanti sintetici ma le prestazioni sono certamente notevoli. Per la loro origine vegetale e naturale, tendono, però, ad assorbire umidità dalla loro base che necessita, quindi, di essere rivestita con uno zoccolo di materiale sintetico.

Quali sono i materiali isolanti naturali

Diversi materiali naturali sono utilizzati per realizzare isolanti termici. Il principio resta sempre contenere aria all’interno degli isolanti, in quanto è risaputo che l’aria è un ottimo isolante termico.

La Canapa

La Canapa per la sua produzione non necessita di pesticidi ed è un materiale particolarmente resistente ai parassiti, è resistente allo strappo e all’umidità senza alterarsi.

Nel contempo ha la capacità di assorbire l’umidità fino ad un terzo del proprio peso e di asciugarsi senza alterazioni termiche. Ha proprietà di assorbire il calore e mantenerlo. Se trattata con soda aumenta notevolmente il grado di resistenza al fuoco arrivando a classi di infiammabilità pari a 2.

La Paglia

La Paglia è un altro prodotto assolutamente naturale al 100% con il quale si realizzano pannelli termicamente isolanti. Questi pannelli sono creati con la pressatura a vapore, senza bisogno di alcun collante, quindi si tratta di pannelli perfettamente ecologici.

I pannelli si presentano con una certa robustezza, resistenti al fuoco, meccanicamente stabili e hanno anche il vantaggio di attenuare notevolmente anche le onde sonore, contribuendo a isolare la casa anche dal punto di vista acustico.

Gli interventi edili di isolamento con questi pannelli sono da considerare assolutamente a basso impatto ambientale. Lo svantaggio di questi pannelli è la scarsa attitudine all’adattamento meccanico a geometrie particolari.

In questi casi è possibile progettare l’isolamento termico con soluzioni in paglia laddove questo è possibile e con cappotti di canapa dove l’applicazione della paglia non è possibile.

In sostanza, quindi, possiamo ben affermare che la soluzione degli isolanti naturali è certamente preferibile rispetto agli isolanti sintetici. A livello di prestazioni gli isolanti naturali non hanno nulla da invidiare ai sintetici, anzi, con la paglia consentono anche il vantaggio dell’isolamento acustico.

Il loro maggiore costo rispetto al sintetico può essere un freno alla loro adozione ma qui entra in gioco la coscienza sociale ed ecologista. Sei disposto a spendere qualcosa in più per dare una mano a questo pianeta?

In fondo si parla del futuro dei nostri figli e nipoti, della qualità della loro vita, un piccolo sacrificio in più, in quest’ottica è certamente preferibile. Se stai pensando a ristrutturare la tua casa, quindi, informati dall’impresa che realizzerà gli interventi e scegli l’impresa che non avrà problemi ad utilizzare isolanti naturali, canapa o paglia che sia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *